Home Blog

Con il GrEst appena concluso, i gruppi Scout e dell’Azione Cattolica stanno già assaporando le loro avventure estive! Vi proponiamo qui il calendario delle esperienze estive che i nostri giovani vivranno.

AGESCI Scout Salzano 1

Branco Fiore Rosso e Branco Seeonee

Dal 13 al 20 luglio
Località: Cesclans (UD)
Slogan: Alla ricerca del… “Nostro Meglio”

Reparto Sole d’Oriente e Reparto Stella del Nord

Dal 21 luglio al 2 agosto
Località: Lorenzago (BL)
Slogan: Fuori dalla mia palude: avventura a Lorenzago!

Noviziato

Dal 1° al 7 agosto
Località: Roma
Slogan: Route di strada, comunità e servizio a Roma

Clan Oltre

Dal 3 al 9 agosto
Località: Lourdes – Francia
Slogan: Abbiamo creduto all’amore: eccoci!

Clan Arcobaleno

Dal 5 al 10 agosto
Località: Abruzzo
Slogan: Majella quant sì bell!

Azione Cattolica

Campo 4a-5a Elementare

Dal 28 luglio al 4 agosto
Località: Rigolato (UD)
Slogan: La tribù di aquila bianca

Campo 1a-2a media

Dal 3 al 10 agosto
Località: Borgo Valsugana (TN)
Slogan: StarUors – La Forza sia con te

Campo 3a media

Dal 26 al 31 agosto
Località: Vallada Agordina (BL)
Slogan: Campo 2005 – Ad alta quota

Campo 1a superiore

Dal 27 luglio al 3 agosto
Località: Rimini
Slogan: Sulle orme di Alberto Marvelli

Campo 2a superiore

Dal 4 all’11 agosto
Località: Gubbio to Assisi
Slogan: Sulle orme di San Francesco

Campo 3a Superiore

Dal 3 al 10 agosto
Località: Torino
Slogan: Sermig – al servizio degli altri


Condividi questo articolo.

UN’ESPERIENZA ACCANTO ALLE PERSONE IN DIFFICOLTÀ

Ciao a tutti! Vengo da Salzano e da Febbraio 2017 vivo con la “Comunità Cavanis Gesù Buon Pastore”, in Papua Nuova Guinea. Probabilmente era da un po’ di tempo che pensavo di visitare una missione, ma quando si è presentata l’occasione di incontrare qualcuno di loro in Italia, è stato il momento di partire. La Papua Nuova Guinea è un’isola del pacifico che si trova poco al di sopra dell’ Australia, ed è una terra ricchissima, dove la vegetazione non smette mai di crescere durante tutto l’ anno, offrendo frutti di tutti i tipi. Nonostante questa abbondanza di risorse naturali in territori sconfinati, la popolazione non ha avuto praticamente nessuno sviluppo. Generalmente le persone qui vivono in villaggi sparsi nella foresta, ed abitano in palafitte di Bamboo, rialzate da terra per sfuggire agli allagamenti della stagione delle piogge. E’ un paese molto giovane e la fede cattolica è stata conosciuta solo 130 anni fa.

La popolazione si dice Cristiana anche se è ancora molto diffusa una religione di tipo animista e figure come quella dello stregone sono ancora molto presenti nei villaggi. A Bereina, piccolo centro situato a tre ore dalla capitale, nel 2013 sono arrivate le “sisters”: inizialmente un gruppo di 7 donne consacrate che hanno deciso di mettere la loro vita a servizio di bambini e giovani del posto. Da subito un gruppo di ragazzi locali ha sentito la necessità di proteggerle, avvicinandosi così a loro e creando un rapporto di aiuto reciproco che continua ancora. Nel frattempo la comunità è cresciuta: sono arrivate le postulanti e le novizie e anche la famiglia di Matteo e Manuela con i loro tre figli, allargando così gli orizzonti di questa congregazione.

Io e Matteo ormai siamo coppia fissa nel lavoro quotidiano con i ragazzi, i quali stanno apprendendo molte competenze: nel costruire case con impianti elettrico e idraulico, di falegnameria e di meccanica. Inoltre, essere impegnati durante la settimana, aiuta loro a stare lontani da alcool e droga.

Penso che vivere in comunità sia una bella opportunità, perché si è sempre in relazione con altre persone, anche nelle difficoltà, cosa che invita ognuno a mettersi in discussione per poter migliorare i propri atteggiamenti. Ai giovani di Salzano, e non solo, direi di concedersi, almeno una volta nella propria vita, un’esperienza di volontariato con persone in difficoltà, perché penso possa far nascere qualcosa di utile, qualsiasi sarà la vostra scelta in futuro.

Con affetto,
Riccardo Tosetto

Concedetevi un’esperienza di volontariato con le persone “ai margini”.


Condividi questo articolo.

PARTIRE PER SCOPRIRSI FRATELLI NELLA SOFFERENZA E NELLA GIOIA

La vita ci chiama, tutti, a fare scelte di coraggio, scelte di responsabilità. Talvolta ci chiede di fermarci: a riflettere, a tendere la mano al fratello o alla sorella accanto; e perché no, di riposarci. Talvolta ci invita al contrario a partire, lasciando i porti sicuri per andare verso sfide per nulla facili da definire, con la fatica di dover ricominciando spesso da capo.

Il mio nome è Stefano Meneghello, sono un giovane di 26 anni della nostra comunità di Salzano, al momento in Libano, nella città di Zahle più precisamente, nella valle della Bequaa, prossimo al confine con la Siria. Un esperienza iniziata a fine del mese di ottobre scorso con l’ONG Medici Senza Frontiere e dettata da un desiderio di voglia di giustizia, di uguaglianza e dal bisogno di assumersi responsabilità di fronte al nostro mondo. Lo stesso desiderio che mi portò in Ciad nell’ottobre di tre anni fa come volontario nella missione della nostra diocesi di Treviso.

Fare parte di una comunità del resto riengo sia strettamente legata a questo sentimento di responsabilità. L’espressione stessa, comunità, deriva dal latino communitas, parola composta da cum e munus: dove munus sta a significare un’unione, ma è il cum che rende la relazione comunitaria come un “dare-darsi” e quindi ne riconduce il senso alla reciprocità dell’obbligo donativo.

Reciprocità che per questioni di comodo si tende troppo spesso a dimenticare, sempre pronti a pretendere dalla comunità qualcosa e allo stesso tempo pronti a presentare scuse nel momento in cui è la comunità stessa a chiamare. Sian ben detto, tali difficoltà sono le medesime che si incontrano in Italia, così come in Ciad e in Libano. Nel Libano stesso infatti, dove il dialogo interreligioso è una delle caratteristiche di questa terra in cui Cristiani Maroniti, Mussulmani Sunniti Sciiti e Druzi convivono da generazioni, l’equilibrio politico e comunitario è una questione delicata. La diversità nella confessione infatti influenza fortemente la vita comunitaria, con barriere più o meno sottili che tuttavia è importante conoscere e rispettare.

Il viaggiare mi sta aiutando così a comprendere e definire meglio il bisogno e il senso di comunità, di darsi reciprocamente. Di partecipare alle gioie e alla sofferenza del nostro prossimo. Ovunque ci si trovi. Un sentimento di compassione che, nel suo senso autentico, è la manifestazione di un tipo di amore incondizionato che strutturalmente non può chiedere niente in cambio. Ed è la testa di ponte per una comunione autentica non solo di sofferenza, ma anche – e soprattutto – di gioia vitale, e di entusiasmo. Che ti induce a partire ancora, trovando sempre nuove occasioni di incontri e di creare comunità.

Nostro dovere è il cercare la propria strada con energia e coraggio. A costo di sbagliare. Anzi, ben venga lo sbaglio come maestro per le nostre prossime scelte. Facendo delle scelte, talvolta con quel giusto pizzico di sana follia. Bisogna aver il coraggio di uscire da schemi pre-imposti, accettare di “andare controcorrente” e di sentirsi stranieri ed estraniati.

Per riscoprire poi infine il sentimento di fratellanza che ci lega tutti, e ritrovare coraggio. Coraggio di essere felici.

Con affetto,
Stefano Meneghello

Abbiamo il coraggio di uscire da schemi pre-imposti, di “andare controcorrente” e di sentirci stranieri ed estraniati.


Condividi questo articolo.

“Musica in Villa” – Una serata dedicata ai giovani talenti del nostro territorio

Lunedì 3 giugno, alle ore 20:00, si svolgerà a Salzano un evento molto interessante nella splendida cornice di Villa Combi ora casa canonica della parrocchia di Salzano.

Nel cortile della Villa, riportata dopo il recente restauro all’antico splendore, sarà presentata una rassegna di brani eseguiti da studenti di musica e giovani con più esperienza. L’organizzazione è curata da musicisti ed esperti.

Si tratta di un’occasione davvero importante per apprezzare e sostenere la passione musicale di tanti giovani, che spesso non trovano spazi adatti per cimentarsi con i loro strumento.

L’edizione dello scorso anno ha riscosso grande successo.


Condividi questo articolo.

Anche quest’anno la Comunità di Salzano rinnova l’appuntamento della Festa della Comunità, il tema che ci accompagnerà sarà: 

“ABBATTIAMO I MURI, COSTRUIAMO PONTI, REALIZZIAMO UNA COMUNITÀ PLURALE”

Ecco il programma delle 4 serate!

Giovedì 16 maggio

Dalle ore 19.30, in Casa della Comunità

Serata dedicata ai volontari di tutte le associazioni e non, che prestano servizio all’interno della parrocchia. Una cena con cui il Parroco vuole riunire e ringraziare tutti i volontari che durante l’anno, in modo continuativo, si prodigano per la buona riuscita delle attività e che contribuiscono a mantenere in ordine e puliti gli ambienti parrocchiali. Catechisti, animatori, capi scout, squadre pulizie, segretari ecc..

Venerdì 17 maggio

Dalle ore 21.00 nel cortile della Canonica

Serata della convivialità, dedicata a Daniele Masiero che tanto ha creduto all’uguaglianza e all’integrazione tra culture diverse. Serata in cui vengono invitate tutte le famiglie, anche di cultura diversa, a uscire e fare festa con balli e musica.

Ci saranno anche attività dedicate ai più piccoli!

Sabato 18 maggio

Al pomeriggio, a partire dalle ore 15,00, si rinnova l’appuntamento in campo sportivo con tanti giochi per i bambini da 3 a 10 anni!

Dalle ore 17.30 alle ore 19.30 viene proposto un incontro con i seguente tema: “La gestione dei beni parrocchiali”. L’obiettivo è portare a conoscenza la comunità delle varie risorse Parrocchiali e nel contempo i costi per il mantenimento e la conservazione di questi beni.

Dalle ore 21.00 grande contest musicale GIOVANE CONTEST dal vivo, con cui potremmo conosce diversi gruppi emergenti locali!
Segui l’evento Facebook Giovane Contest 2019 per tutte le informazioni!

Domenica 19 maggio

I festeggiamenti culmineranno nella S. Messa celebrata al mattino nel sagrato della chiesa, alla quale è invitata l’intera comunità. A seguire pranzo comunitario previa adesione volontaria.

Menù n. 1

  • Aperitivo di benvenuto
  • Farfalle zucchine pancetta
  • Cosciotto di pollo ai ferri
  • Contorni: patate al rosmarino, insalata mista
  • Dolce
  • Caffè e bevande (acqua e vino)

Menù n. 2

  • Aperitivo di benvenuto
  • Farfalle zucchine
  • Insalatona con aggiunta di tonno, mozzarella, pomodori, noci, carote, carciofi
  • Dolce
  • Caffè e bevande (acqua e vino)

Quota adulti € 15,00
Quota ragazzi fino ai 13 anni € 7,00 (previsto stesso menù con porzioni ridotte)

Prenotazione obbligatoria, presso il bar dell’oratorio entro e non oltre domenica 12 maggio.

TUTTE LE MANIFESTAZIONI SONO AD INGRESSO LIBERO
Ringraziamo quanti vorranno partecipare e faranno festa con NOI!

TUTTO IL RICAVATO DELLA MANIFESTAZIONE SARÀ DEVOLUTO AL SOSTEGNO DELLE ATTIVITÀ E STRUTTURE DELLA PARROCCHIA DI SALZANO.


Condividi questo articolo.

Dal 17 giugno al 12 luglio in piazza Pio X

Quest’anno partiremo alla volta del meraviglioso regno di Wunder, il villaggio incantato tra i ghiacci perenni del mare del nord e le incantevoli luci delle aurore boreali. Qui conosceremo i suoi abitanti: i vichinghi, persone coraggiose e forti! Ma una minaccia avvolge questo antico regno vichingo: Morket, il buio che tutto avvolge, divorerà la bellezza del mondo. Riusciranno i nostri amici con il nostro aiuto a riportare Wunder al suo antico splendore? Parti con noi la prossima estate per questa incredibile avventura alla scoperta di un mondo magico!

È arrivato il momento di presentare il nuovo GrEst, che si svolgerà dal 17 giugno al 12 luglio in piazza Pio X. Quest’anno la proposta estiva è ambientata nell’antico villaggio vichingo di Wunder e ha come tema educativo la bellezza del servizio. Per il 2019 condividiamo in pieno il progetto educativo proposto da Oragiovane che ha la volontà di invitare bambini e ragazzi a mettersi in cammino per ri-scoprire la bellezza di incontrare nuovi amici! Il tema del GrEst prende spunto dal titolo della 34^ Giornata Mondiale della Gioventù che si è svolta a Panama lo scorso gennaio: “Ecco la serva del Signore; avvenga per me secondo la tua parola” (Lc 1, 38).

Dal tema proposto da papa Francesco, vogliamo riflettere sul significato di “serva” e dunque di “servizio”. In particolare, del “servizio” si intende mettere in luce ciò che lo caratterizza e lo genera: una “bellezza” che attrae e che a sua volta muove all’azione. Attraverso la storia, le canzoni, la preghiera, i laboratori e i giochi, cercheremo di affrontare la “bellezza del servizio” attraverso quattro tappe settimanali: il bello da ricevere, il bello da ricercare, il bello da scoprire e il bello da rifare.

Tra le novità del 23° GrEst c’è l’apertura che durerà un intero pomeriggio, infatti, lunedì 17 giugno il GrEst durerà un po’ di più e terminerà alle ore 19.15. Tutto questo per avere più tempo per festeggiare l’inizio del GrEst e per dare maggiore spazio, durante il weekend, all’uscita animatori che quest’anno si svolgerà al mare e rappresenterà l’ultima tappa della Formazione Animatori iniziata a gennaio. Come sempre il mercoledì sarà caratterizzato dalle attese uscite che ci permetteranno di vivere avventure in posti ricchi di storia, natura e attrazioni particolari.

Altra novità riguarda la giornata del venerdì che assumerà la classica struttura del lunedì, martedì e giovedì ovvero dalle ore 15.00 alle 18.30 con la possibilità di continuare a costruire lavoretti, imparare nuovi sport e guadagnare punti in campo sportivo.
Infine, come da tradizione, sono confermate le serate aperte alla comunità: venerdì 28 giugno la serata di metà GrEst e venerdì 12 luglio la grande serata finale.

Per scoprire il calendario con i vari appuntamenti della proposta estiva, approfondire il tema, scoprire i laboratori, il programma completo e i video, vi invitiamo a visitare il nuovo sito internet parrocchiasalzano.it/grest.

Vi aspettiamo in piazza nei seguenti weekend per effettuare l’iscrizione o semplicemente per scoprire il mondo di Wunder:

  • Sabato 11, 18 e 25 maggio: dalle ore 16.00 alle 18.00
  • Domenica 12, 19 e 26 maggio: dalle ore 10.30 alle 12.00

Più di 80 animatori e 25 adulti sono pronti ad accogliere i tanti ragazzi che vogliono passare l’estate con Noi!


Condividi questo articolo.